Voucher welfare, Iva a 2 velocità

Cambia l’applicazione se il buono è mono o multiuso

Secondo le Entrate l’imposta si sconta all’emissione se la disciplina è certa all’origine.

Ai voucher welfare si applica il nuovo trattamento Iva dei buoni-corrispettivo. Questo l’aspetto più rilevante contenuto nella risp. n. 10 del 2020 dell’Agenzia delle entrate.
In particolare, nel caso in cui si verifichino tutti i presupposti, detti documenti di legittimazione scontano l’Iva all’emissione se indicano prestazioni welfare la cui disciplina Iva è certa all’origine e sono utilizzati per assegnare benefit ai dipendenti (art. 51, comma 3-bis, Tuir e dm 25 marzo 2016)…

Leggi l’articolo integrale, cliccando sul pulsante qui sotto.

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Articoli Recenti

Al datore l’onere della prova

In un momento storico così
particolare, nel pieno della
seconda ondata dell’emergenza
epidemiologica provocata
dal Covid-19, torniamo
a riflettere, timidamente, sul
licenziamento per giustificato
motivo oggettivo.

LEGGI L'ARTICOLO »