Voucher welfare, Iva a 2 velocità

Cambia l’applicazione se il buono è mono o multiuso

Secondo le Entrate l’imposta si sconta all’emissione se la disciplina è certa all’origine.

Ai voucher welfare si applica il nuovo trattamento Iva dei buoni-corrispettivo. Questo l’aspetto più rilevante contenuto nella risp. n. 10 del 2020 dell’Agenzia delle entrate.
In particolare, nel caso in cui si verifichino tutti i presupposti, detti documenti di legittimazione scontano l’Iva all’emissione se indicano prestazioni welfare la cui disciplina Iva è certa all’origine e sono utilizzati per assegnare benefit ai dipendenti (art. 51, comma 3-bis, Tuir e dm 25 marzo 2016)…

Leggi l’articolo integrale, cliccando sul pulsante qui sotto.

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Articoli Recenti